BigThink

Dal Facebook Marketing al Google+ Marketing?

Sono passati pochi giorni dal lancio di Google+ e in rete non si parla d’altro. Fioccano gli articoli che ne enunciano le funzionalità, aumentano sempre più gli utenti che hanno la possibilità di provarlo e tutti si pongono la stessa fatidica domanda: riuscirà a soppiantare Facebook?

All’improvviso sembra che tutti abbiano iniziato a sputare nel piatto dove hanno mangiato fino adesso, dimenticando di punto in bianco quanto amassero il Social Network blu in favore del nuovo di Big G. Sinceramente non lo so se Google+ segnerà il futuro dei Social, però possiamo azzardarci a fare qualche previsione.

La cosa certa è che è ben presto per dire che Google+ è un successo. Come dice Michele Polico:

Google Plus è appena nato e molti ancora non lo hanno provato, molti non ne hanno sicuramente nemmeno sentito parlare: le persone comuni, quelle che non seguono assiduamente le novità della Rete, quelle che realmente saranno decisive nel decretare il successo o l’insuccesso di questo nuovo progetto di Big G ancora non sanno che esiste.

Personalmente i Circles sono del tutto inutili per me in questo momento, visto che ho quello dei “Webamici” pieno zeppo e quello degli “Amici stretti” con una sola persona. Sì, perchè per ora è ancora ristretto a noi addetti ai lavori, bisognerà vedere se riuscirà a diventare mainstream.

Secondo il Tagliaerbe no:

La maggior parte degli “utenti medi” sono dentro Facebook e non sono disposti a considerare un altro social fino a quando non ne sentiranno parlare i loro amici. Poiché la maggior parte delle persone attualmente in Google+ sono geek, addetti ai lavori, star dei social media e giornalisti [...] la possibilità che una persona normale (metaforicamente parlando, mia madre) possa sentir parlare di Google+ da un utente normale è un bel po’ remota.

Per lui Google+ sarà il nuovo Social Network per “geek, early adopter e guru dei social media”, ma non per i comuni mortali.

D’altra parte, perchè i 750 milioni di utenti Facebook dovrebbero spostarsi tutti su Google+? Stando a quanto pronostica AllFacebook, un motivo c’è:

The reality is that users won’t have the option of not using Google Plus.

In pratica, quel miliardo di utenti iscritti a Google verrà obbligato ad usare Google+ a causa di quella vistosissima notifica rossa in alto, comparsa praticamente in tutti i servizi di Google. E’ impossibile non notarla, ti incuriosisce e ti porta su Google+ sia che tu stia leggendo la posta su GMail, sia che tu stia consultando i Feed, aumentando così naturalmente il tempo passato su Google.

In ogni caso, non appena Google+ uscirà della Beta, la sfida sarà davvero aperta e allora temo che bisognerà iniziare a parlare di Google+ Marketing. Infatti non si fermeranno certo ai Profili Privati, ma a breve introdurranno anche i Profili Business, come ha commentato Jeff Hube:

And pre-emptively answering a question — yes, we will have (smb) business profile pages on Google+. I can’t announce a launch date yet, but we want to make them *great*, and we’re coding as fast as we can.

E ancora non è finita: sono in arrivo anche le API di Google+. Non appena il nuovo Social sarà definito in tutti gli aspetti, gli sviluppatori potranno iniziare a creare le loro applicazioni per estenderne le funzionalità. Chissà se Zynga si butterà anche in questo mondo. Nel frattempo, comunque, ci si può iscrivere per essere avvisati non appena la piattaforma sarà disponibile.

Non di solo Facebook vive l’utente, quindi anche noi di BigThink rimarremo aggiornati sugli ultimi sviluppi e ci toccherà iniziare a studiare le nuove API, appena disponibili.

E tu? Hai già provato Google+?

Articolo scritto da Ghido

Fondatore di BigThink.it, si occupa dello sviluppo e del coordinamento dei progetti tecnologici. Specializzato nel Marketing su Facebook e nello sviluppo di Applicazioni Social, fa consulenza e formazione ad aziende ed agenzie.

Leggi anche...

Lista di eBook gratis su Web Marketing e SEO

Lista di eBook gratis su Web Marketing e SEO

Il Web Marketing e la Search Engine Optimization sono discipline che richiedono studio ed esperienza. In rete si trova parecchio materiale a riguardo, soprattutto in inglese, e ci si perde quasi nella vastità di informazioni. Qui ho voluto raccogliere i migliori eBook gratis in lingua italiana che trattano di Web Marketing, SEO, ottimizzazione di ...
Ebook gratis in italiano su Facebook e Twitter

Ebook gratis in italiano su Facebook e Twitter

Per la gioia degli amanti dei libri virtuali, ho stilato una nuova lista di ebook gratuiti in italiano. Oggi tocca agli ebook su Facebook e Twitter, dalle guide base a quelle più avanzate. Potrai scoprire come utilizzare i due Social Network a livello utente, oppure a livello esperto, per promuovere la tua attività o il ...
Guadagnare con Facebook: intervista a Deni Benati e Stefan Des

Guadagnare con Facebook: intervista a Deni Benati e Stefan Des

Facebook è ormai il Social Network più conosciuto di questi tempi, perchè allora non sfruttare la sua popolarità a nostro favore? Oggi abbiamo ospiti su BigThink due Web Marketer che hanno saputo cogliere al volo le opportunità offerte dal web e hanno deciso di divulgarle, ciascuno nel proprio ebook. Sto parlando di Deni Benati ...
Le nuove Pagine Facebook: tutto ciò che dovete sapere

Le nuove Pagine Facebook: tutto ciò che dovete sapere

La profezia si è avverata. Il futuro che avevamo visto si è effettivamente realizzato! Da qualche giorno, infatti, gli admin di Pagine Facebook possono aggiornare in anteprima le proprie Pagine al nuovo layout, aggiungendo numerose funzionalità. Vediamo quali sono le novità e come puoi sfruttarle al meglio. 1. Notifiche per gli amministratori La novità più importante per ...
10 Esempi di Pagine Facebook che offrono Coupon ai fan

10 Esempi di Pagine Facebook che offrono Coupon ai fan

Dopo aver visto diversi esempi di come possiamo personalizzare la nostra Pagina Fan con un Landing Tab che inviti l'utente a diventare fan, oggi vedremo come convincere il visitatore a diventare fan, dandogli un vero motivo per farlo. Il modo migliore per trasformare un normale utente in un fan della nostra Pagina è quello ...

66 Commenti

  1. ottimo

    28 luglio 2011, 12:27
  2. Argh.. il mio commento è stato tagliato perchè ho usato i maggiori e minori.. non bene.. ;)

    Davvero una bella discussione! Me la sono letta tutta di un fiato!
    Le analisi sono tutte molto valide, e per ora, nella fase di beta in cui si trova Google+, sono tutte possibili.
    Non abbiamo ancora il computo totale delle variabili per parlare di certezze, ma qualcosa ci può indirizzare sulla strada giusta.
    Per esempio, nessuno ha mai notato cosa c’è scritto nel decalogo delle “Top 10 reasons to work at Google”?
    Punto 8: “Uniting the world, one user at a time. People in every country and every language use our products. As such we think, act, and work globally – just our little contribution to making the world a better place.”
    Ora, per quanto Google sia una delle compagnie di IT più grandi del mondo ed una frase come “uniting the world” potrebbe suonare perfettamente come uno spot pubblicitario, io credo che quel “one user at a time”, “every country and every language”, sia più qualcosa legato al sociale, alla contaminazione culturale, oppure, passatemi il termine, alla conquista globale, cittadino dopo cittadino.
    Quello che questo messaggio sembra dire è (con un velo di ironia/sarcasmo/modestia usando “little contribution”): noi ci stiamo diffondendo viralmente in tutti i settori della comunicazione globale e non solo (motori di ricerca, pagine web, blog, social network, telecomunicazione mobile, sistemi operativi, gestione risorse umane, design, ecc ecc..), ma la nostra aspirazione è creare una “nazione” virtuale globale in perenne contatto, questo perchè secondo noi il mondo così sarà più bello!
    Se fosse veramente questo il messaggio tra le righe che Google cerca di dare, la risposta alle nostre domande sarebbe semplice: Google vuole tutto, perchè tutto quello che esiste nella società è lo scambio di informazioni, qualunque valore o bene, personale o collettivo, è uno scambio di informazioni. Vuole unire tutto, gestire tutto, realizzare tutto.
    Google non vuole un network per geek, ma vuole rendere possibile unire i geek ai non geek, gli utonti ai meno utonti, i super user agli standard, cercando di farlo nel modo più efficiente possibile e senza rigetti, perchè ne andrebbe a discapito del suo progetto mondiale!
    Una sorta di messaggio non violento, in stile: “the peace cannot be kept by force, it can only be achieved by understanding”, sostituendo a “peace”, “unificazione mondiale”, e a “understanding”, “fornire i servizi migliori di modo che gli utenti non ne possano fare a meno”, per unificare il mondo.. in pieno stile americano dopotutto.

    Non voglio giudicare se questo sia giusto o sbagliato, e alla lunga porterà un miglioramento o un peggioramento globale, ognuno avrà la sua idea, sicuramente è molto affascinante e molto più virale della campagna americana-repubblicana dell’”andiamo e conquistiamoli tutti con le armi o con i soldi”. ;)

    A questo punto mi immagino un dialogo di questo tipo tra Brin e Page:
    Page: “Cosa facciamo questa sera Brin?”
    Brin: “Quello che facciamo tutte le sere Page, cercare di conquistare il mondo!”

    P.S.: Faccio notare la somiglianza tra Brin e Brain.. :)

    Tutto ovviamente molto IMHO! ;)

    24 luglio 2011, 12:30
  3. Davvero una bella discussione! Me la sono letta tutta di un fiato!
    Le analisi sono tutte molto valide, e per ora, nella fase di beta in cui si trova Google+, sono tutte possibili.
    Non abbiamo ancora il computo totale delle variabili per parlare di certezze, ma qualcosa ci può indirizzare sulla strada giusta.
    Per esempio, nessuno ha mai notato cosa c’è scritto nel decalogo delle “Top 10 reasons to work at Google”?
    Punto 8: <>
    Ora, per quanto Google sia una delle compagnie di IT più grandi del mondo ed una frase come “uniting the world” potrebbe suonare perfettamente come uno spot pubblicitario, io credo che quel “one user at a time”, “every country and every language”, sia più qualcosa legato al sociale, alla contaminazione culturale, oppure, passatemi il termine, alla conquista globale, cittadino dopo cittadino.
    Quello che questo messaggio sembra dire è (con un velo di ironia/sarcasmo/modestia usando “little contribution”): noi ci stiamo diffondendo viralmente in tutti i settori della comunicazione globale e non solo (motori di ricerca, pagine web, blog, social network, telecomunicazione mobile, sistemi operativi, gestione risorse umane, design, ecc ecc..), ma la nostra aspirazione è creare una “nazione” virtuale globale in perenne contatto, questo perchè secondo noi il mondo così sarà più bello!
    Se fosse veramente questo il messaggio tra le righe che Google cerca di dare, la risposta alle nostre domande sarebbe semplice: Google vuole tutto, perchè tutto quello che esiste nella società è lo scambio di informazioni, qualunque valore o bene, personale o collettivo, è uno scambio di informazioni. Vuole unire tutto, gestire tutto, realizzare tutto.
    Google non vuole un network per geek, ma vuole rendere possibile unire i geek ai non geek, gli utonti ai meno utonti, i super user agli standard, cercando di farlo nel modo più efficiente possibile e senza rigetti, perchè ne andrebbe a discapito del suo progetto mondiale!
    Una sorta di messaggio non violento, in stile: “the peace cannot be kept by force, it can only be achieved by understanding”, sostituendo a “peace”, “unificazione mondiale”, e a “understanding”, “fornire i servizi migliori di modo che gli utenti non ne possano fare a meno”, per unificare il mondo.. in pieno stile americano dopotutto.

    Non voglio giudicare se questo sia giusto o sbagliato, e alla lunga porterà un miglioramento o un peggioramento globale, ognuno avrà la sua idea, sicuramente è molto affascinante e molto più virale della campagna americana-repubblicana dell’”andiamo e conquistiamoli tutti con le armi o con i soldi”. ;)

    A questo punto mi immagino un dialogo di questo tipo tra Brin e Page:
    Page: “Cosa facciamo questa sera Brin?”
    Brin: “Quello che facciamo tutte le sere Page, cercare di conquistare il mondo!”

    P.S.: Faccio notare la somiglianza tra Brin e Brain.. :)

    Tutto ovviamente molto IMHO! ;)

    24 luglio 2011, 12:28
  4. Ma certo che ci si butterà. Stavolta fa sul serio. Sarà sufficiente un gioco ben fatto per far aumentare enormemente gli utenti di plus. E poi ci sarà l’integrazione con youtube, come adesso con Gmail… è solo questione di tempo, meglio che ci prepariamo. Facebook correrà ai ripari ma secondo me dovrà inventarsi qualcosa di serio per colmare le sue mancanze, che sono molte e sotto gli occhi di tutti.

    18 luglio 2011, 21:33
  5. scienzedellevanghe

    certo che zynga ci si butterà dentro, e le voci che girano sono interessanti

    http://techcrunch.com/2010/07/10/google-secretly-invested-100-million-in-zynga-preparing-to-launch-google-games/

    18 luglio 2011, 16:45
  6. L’ho provato oggi e devo dire che è più usabile. Ci vuole un pò per capire come funziona, Perchè non è come facebook, è molto diverso. Innanzitutto per aggiungere qualcuno nella mia cerchia non mi serve il suo permesso. Poi sarà lui a decidere se tenermi tra i Voyeur comuni o mettermi in un suo cerchio privilegiato.

    Comunque ragazzi non scherziamo, è ovvio che Google è destinato a dominare il mondo. Google conosce tutti i problemi che gli utenti hanno con i social network (e con la vita), chi meglio di lui può risolverli? Ovvio no? L’unica fortuna di Facebook è di essere arrivato prima, ma le sue lacune sono sotto gli occhi di tutti: io fatico a caricarci i video (infatti si condivide tutto con youtube, cioè Google). Creare le liste è una frustrazione unica (ed ecco Circles)… per dirne solo due.

    Ci vorrà solo un pò di tempo, ma è meglio prepararsi perchè accadrà.

    18 luglio 2011, 15:31
  7. lo sto provando e mi piace, speriamo rimanga libero da giochini ed amenità varie, lo trovo semplice e comodo da usare…

    utilissimo il poter dividere per interessi i propri contatti rendendo più semplice e funzionale seguirli…

    secondo il mio modestissimo parere a sto giro BIG G ha centrato in pieno il suo social!!!

    15 luglio 2011, 09:50
  8. Ma ci saranno anche le app su +?

    11 luglio 2011, 11:06
    • Le API sì. Poi bisogna vedere che tipo di App permetteranno di fare.. se come quelle di Twitter o più avanzate come Facebook.

      11 luglio 2011, 11:10
  9. figo sto blog, lo seguirò più spesso

    11 luglio 2011, 09:50
  10. Ragazzi ma di cosa stiamo parlando??? Google e’ ancora l’autostrada del web nonostante facebook stia tentando di imporsi come porta d’ingresso. Chrome ha conquistato il 30% di market share nel giro di 2 SOLI anni, youtube e’ gia’ la televisione di milioni di persone e con il progetto googleTV fara’ definitivamente il salto di qualita’, per non parlare di android… cosa ne dite se usassero questi 3 piccoli asset per “spostare” i 750 milioni di utenti facebook? avrebbero qualche “remota” possibillita’ ? Il successo lo decreta la qualita’ del prodotto e sinora google e’ sempre stata superiore quando ha provato seriamente in qualcosa. Google+ reinventera’ i social network ma non solo…reinventera’ il modo di viaggiare su internet, facendolo diventera l’unico medium. Il pericolo non e’ il dominio di facebook…ma al contrario la pochezza di facebook e microsoft come concorrenti, questi ultimi in netto declino, google non ha rivali (vedi la corsa ai ripari con la funzione skype integrata)

    9 luglio 2011, 11:30
  11. PER “JO”:

    Per social network specifico intendo un social dedicato ad uno specifico settore o ad una specifica passione …

    Per esempio: Il social di “chi va’ in barca a vela” (e sono almeno 300.000 persone in Italia)

    Oppure il “social di chi sviluppa siti o e’ interessato al webdesign,grafica,cms etc…” (e anche qui credo che sono almeno a 2-300.000 persone )

    Cose del genere…

    Io scenderei ancora in profondita’ per esempi con dei Social Geolocalizzati.

    Per esempio:

    Social “appassionati di barca a vela roma”

    E’ vero che su Facebook puoi trovare gruppi di questo tipo ma, non e’ la stessa cosa e sopratutto non credo che come piattaforma sia delle migliori a livello di “feature”,accessibilita’ e usabilita’:),user experience…

    Comunque e’ uno strumento interessante che puo’ essere utile e, su questo non ci piove:)

    8 luglio 2011, 20:07
    • Più che altro, in effetti G+ consente di “segmentare” le persone in cerchie e organizzare il flusso dei contatti. E’ chiaro che non si tratta di un social di elite, ma molti professionisti o appassionati di una qualche passione possono tranquillamente seguire gli altri simili senza il “rumore” degli altri utenti che si hanno.

      11 luglio 2011, 20:58
  12. jo

    @Sergio

    Che cosa intendi per “Social Network specifico” ?

    8 luglio 2011, 13:32
  13. goffredo

    ho trovato altre maggiori informazioni che non prevedevo in questo articolo:
    http://www.youcandid.com/video/0127b981bdb85ba60c8db1bb5d0912e8/

    8 luglio 2011, 11:12
  14. * ALICE: grazie per aver ripreso un pezzo del mio precedente intervento…Io non leggo nel pensiero.:)

    Comunque in ottica Seo e di marketing ci sono tante altre cose che convertono ben di piu’ a partire, dai risultati organici…

    Ti posso dire che basandomi sui miei progetti (Diversi) …

    …Il rapporto di conversione Utenti-clienti e’ circa 8-10 volte piu’ basso in Facebook rispetto ad Adwords e ad altre fonti di traffico (compreso quello organico che e’ il migliore di tutti) a partita’ di Views,Squeeze,landing page etc…

    Poi ci saranno persone che, partendo da un settore piu’ adatto agli utenti di Facebook hanno buone conversioni…SICURAMENTE CI SONO…:)

    Il social (almeno questo e’ il mio parere basandomi su una decina di nicchie che ho seguito in questi 3 anni) e che Facebook puo’ essere utile per il Social media marketing in settori legati all’intrattenimento o all’acquisto di prodotti per giovani o, a largo consumo (la fascia 16-35 credo che sia la maggioranza, tra tutti e 23-24 i milioni di iscritti in Italia)

    Per altre nicchie il rapporto tempo – Ritorno (R.O.I,branding etc…) secondo me e’ ridicolo…

    Ma questo e’ solo il mio punto di vista.:)

    Io trovo che i Social in generale sono una moda che comincia e finisce…Ma saro’ il primo ad utilzzarne gli eventuali benefici…SE CE NE SONO o SARANNO…:)

    Io spero che nascano nuovi social netwok specifici pero’ …

    Il generico si sa’ che in campo di internet marketing e’ Quasi inutile (perche’ il costo beneifici e’ basso)

    P.S: Questo lo scrivo per tutti (un mio umile consiglio)

    1) i risultati organici sono per me il meglio che si puo’ ottenere in termini di traffico (e credo che molti condivideranno)

    2) Scrivere un buon articolo (in un settore qualsiasi ed in media) nel blog di almeno 5-600 parole puo’ portare nel breve-medio-lungo(6-12-24-48 mesi) termine dai 2000 ai 5-10.000 utenti (ci sono articoli che io stesso trovo datati magari 2008 che ancora sono tra i primi 20-30 posti per la “Key-phrase”) se l’articolo e’ inserito in una sitemap,e’ correttamente indicizzato e comincia a spingere…:)

    Quanto ci mettete a scrivere un buon articolo ? 1 ora ? 2 ore ? 3 ore ?

    Quanti utenti vi portano i social ? o il viral, che innescano ?

    Riuscite usando o social direttamente o indirettamente a convogliare nel breve-medio-lungo termine dai 2 ai 10.000 utenti dedicandoci (o delegando ad altri) SOLO 2-3 ore del vostro tempo ?

    Questo secondo me e’ il punto…

    Fino a che punto (scusate il gioco di parole) puo’ essere utile usare un social generico:)

    6 luglio 2011, 18:51
  15. Davecrt

    Ragazzi è ancora in Beta ecchediamine..Come fato già a classificarlo come il social dei nerd?!!
    Come si fa a classificare un prodotto ancora in fase di test…

    6 luglio 2011, 02:08
  16. Secondo me la situazione ideale sarebbe una suddivisione dello share in parti uguali, meglio ancora se con altri player.
    Per chi, come me, sviluppa si aprono più possibilità e più sfide lavorative.

    Certo al momento google+ è ristretto ai geek e addetti ai lavori, e la frenata sugli inviti non aiuta di certo l’espansione. E nel frattempo l’idea che sia il social dei nerd avanza…

    6 luglio 2011, 00:22
  17. Carlo

    Spero che plus riesca a rimanere più “pulito” e “meno cazzeggiataro” citando Thomas.
    Col design utilizzato credo che l’intento sia già questo al livello comunicativo.
    Spero solo che non diventi un altro “putt…aio” come facebook, perchè credo che internet non ne abbia proprio bisogno.

    5 luglio 2011, 16:59
  18. Davecrt

    Ragazzi ma NON SCHERZIAMO!! SOPPIANTARE FACEBOOK?! Parliamo di un Social Network che ha fatto della massa critica il suo punto di forza. Ogni persona su quella piattaforma ha 1) gli amici più stretti 2) contatti di lavoro vicini e potenzialmente utili 3) una parte di se (tra foto, video, discussioni ecc..) 4) i brand hanno speso milioni per farli un numero decenti di follower 5) ed ognuno di noi ha inoltre un 70% di contatti che sicuramente non possono essere chiamati amici intimi ma che comunque hanno un valore per l’utente. Pensate che dopo che tutta la creazione di questo ammasso di “valore informativo” e di rete sulla piattaforma dello zio ZUCK da parte di ogni utente su questa terra, basti un SN con qualche funzionalità come la suddivisione dei contatti o la chat contemporanea con molti utenti per portare 600 milioni di utenti altrove? Non scherziamo, qui a meno di novità eccezionali o di innovazioni tipo con un click ti porti tutti i contatti face sul google+(cosa ovviamente impossibile A perchè facebook lo impedirà al 100% e B il numero di utenti con un account Google e piccolissimo) questo è e rimarrà un giocattolo per GEEK. Il problema di Google è che non ha capito che ormai a meno di una funzionalità innovativa nel vero senso della parola FACEBOOK non lo si schioda da dove è. Piuttosto dovrebbe secondo me puntare a tanti SN di nicchia e specifici per rubare poco a poco quote di “TEMPO” dell’utente a Facebook, che cmq rimarrà il SN Generico per eccellenza. Come il marketing insegna qui si tratta di attaccare le nicchie lasciate vuote dal gigante di Palo ALto per rubare pian piano fette di tempo dell’utente su internet sfruttando la teoria della Long Tail. Punto. Questi tentativi di imporsi come nuovo gigante del social sul web senza punti di forza esplosivi sono destinari a rimanere un buco nell’acqua o roba per GEEK.

    5 luglio 2011, 02:19
    • Non sono d’accordo al 100%.
      Ad esempio:
      2) i contatti di lavoro e potenzialmente utili oramai anche in Italia si stanno “spostando” su LinkedIN (non è più solo per smanettoni e geek autoimporsi una policy di accettazione diversa a seconda della piattaforma).
      4) i brand avevano speso anche milioni per acquistare isole virtuali su Second Life, se è per questo, eppure sappiamo tutti che fine hanno fatto.

      Poi credo anch’io che non sarà soppiantato così facilmente, ma comunque fette interessanti di utenza secondo me potranno essere erose. E con “interessanti” non mi riferisco solo alla QUANTITA’, ma anche alla QUALITA’ (livello culturale, posizionamento retributivo, predisposizione all’acquisto, …).

      6 luglio 2011, 16:18
      • Davecrt

        Daniele secondo me Linkedin è una piattaforma per contatti di lavoro per le generazioni più avanzate. con l’eta principalmente. Sicuramente anche le fasce più giovani lo utilizzano, tuttavia il grande dell’interazione lavorativa di domani(intendo contatti tra colleghi) secondo me è e sarà su face, perchè è li che i giovani lavoratori e neolaureati hanno accumulato tutte le loro conoscenze e contatti di lavoro. Linkedin lo vedo ad oggi ancora come una vetrina dove lasciare il proprio cv. Ma l’interazione, lo scambio di opinioni e pareri, di informazioni, avviene su facebook. Perchè avere u account linkedin a mo di vetrina non è sicuramente come il valore che si crea da un interazione veloce ed immediata su facebook. Linkedin è, secondo me più per il contatto tra azienda e lavoratore che tra lavoratori.

        Per i brand ovvio che nessuno mette in dubbio che se gli utenti passeranno a Google+ in massa ovvio che avranno la necessità di farlo anche loro, e già qualcuno lo sta facendo da first mover. Tuttavia credo che un movimento di massa su G+ da parte dei brand avverrà solo e se si cominceranno a muovere masse interessanti di consumatori.

        La tua ipotesi di qualità è giustissima, infatti il segmento Geek è cmq un segmento secondo me ad alto livello culturale. Tuttavia il posizionamento retributivo secondo me non è così scontato. E’ da vedere se e quali aziende sono interessate al settore oltre alle solite Big della tecnologia.

        6 luglio 2011, 16:43
  19. E se fosse un Social Cloud Network ? fatemi sapere cosa ne pensate…

    4 luglio 2011, 22:05
  20. Francesco

    Possibile una divisione naturale:
    google+, utenti legati alla visibilità
    FB, utenti “generici”

    4 luglio 2011, 19:26
  21. Io sono convintissimo (ma e’ solo una mia esperienza personale) che Google + 1 entro 12 mesi assorbira’ piu’ del 50 % percento degli iscritti a Facebook.

    Perche’ ?

    1) “E’ Google” e, secondo me ha un brand piu’ forte e una brand reputation basati su maggio feedback positivi rispetto a quelli negativi.

    2) La capacita’ di Google sono moltissime e le feature altrtettante (basi pensare alle decine di servizi che sicuramente verranno agganciati in qualche modo a GOOGLE+1)

    3) La tecnologia di Google e sopratutto la sua volonta’ (presunta o vera) di migliorare continuamente la User experience (Vedi Panda e tutti i vari update che ci sono stati in questi anni per migliorare le ricerche)

    4) Le ricerche interne al social di google + e tutta l’enfasi che sta’ dando alla geo-localizzazione permetteranno un maggiore potenziale delle funzioni “search”

    I criteri di ricerca di Facebook fanno ridere o quasi se si pensa che siamo nel 2011 (Ma questo e’ sempre e Solo il mio punto di vista)

    A Me Facebook non e’ mai piaciuto piu’ di tanto …L’ho utilizzato SOLO per il marketing Punto. (e comunque converte molto peggio di Google)

    Penso che era meglio Myspace o sono sicuramente meglio altri social di nicchia.

    Prima di chiudere pero’ io spero sempre che:

    1) Ci sia qualcuno che si occupi a livello nazionale di tirare fuori un “social” veramente ben fatto e che lo faccia in Italia.

    2) Si smetta di passare troppe ore dentro questi “social” e si decida a tornare un po’ di piu’ ad uscire o a vivere senza di loro:)

    4 luglio 2011, 19:18
    • Alice

      “Me Facebook non e’ mai piaciuto piu’ di tanto …L’ho utilizzato SOLO per il marketing Punto. (e comunque converte molto peggio di Google)” … mi hai letto nel pensiero, inoltre non vedo l’ora di capire quanto conterà il +1 in chiave SEO o comunque la condivisione per migliorare il posizionamento organico

      6 luglio 2011, 16:50
  22. Peso che la vera disputa sarà sul campo dell’usabilità..
    ah se qualcuno di buon animo mi mandasse un invito..:-)

    4 luglio 2011, 19:15
  23. rOk

    A dire il vero mi sembra sempre la stessa pappa con qualche funzione in più, tipo l’instant upload (consente di scattare fotografie direttamente dal video in corso e condividerle immediatamente).

    Dal punto di vista del passaparola non so cosa dire, non credo che google punti al passaparola delle persone normali, metaforicamente parlando (mia madre) perchè usano google per fare ricerche e/o scrivere e leggere email…da lì a cliccare sulla banda rossa ci si mette un secondo. Ormai il “social network” è entrato nei nostri PC, non c’è più lo scetticismo che c’era prima (solo nickname, era raro vedere qualcuno che usava il proprio nome e cognome) è stata rotta una barriera e credo sia tutto a vantaggio di google+.

    Di una cosa sono certo google+ dichiara guerra a facebook, al contrario di badoo e di twitter (all’inizio surclassati da facebook, adesso stanno avendo un discreto consenso) che funzionano in modo completamente diverso da facebook.

    Guardando la demo di + mi sembra di vedere un facebook migliorato graficamente con qualche nuova funzione (anche se la demo è un po’ caotica), un pò come apple Vs windows, copia qua, migliora la, cambia qui, et voilà, la differenza la fa la percezione dell’utente finale che irrazionalmente preferisce una cosa anzichè l’altra, in questo caso potrebbe essere la voglia di nuovo e di una grafica più allegra oppure l’effetto FB nostalgia.

    4 luglio 2011, 16:02
  24. Google non si può permettere un altro fallimento. La realtà dei fatti è che Google a mio parere sul lungo periodo avrà il sopravvento su tutto.

    Pensate a chi il pc non lo sa usare, aprendo la pagina di google si troverà di fronte:
    -Motore di ricerca.
    -Account di posta.
    - Mappe.
    -Social network.
    - Gestione documenti.
    - ecc.

    Inoltre da non dimenticare la ricerca per immagini… Io come già detto sull’articolo nel mio Blog, se fossi in Mark un pò inizierei a preoccuparmi…

    Ciao! :-)

    4 luglio 2011, 15:59
    • morocarlo

      ma anche per chi lo sa usare, è troppo comodo trovare tutto insieme, un solo account, un solo login e hai tutto :)

      4 luglio 2011, 21:16
      • Non è cosa da poco…

        4 luglio 2011, 22:47
  25. Il problema è che chi lavora dietro facebook non è ancora riuscito ad evitare che diventi una Las Vegas informatica (mi riferisco al caos, alla sovrabbondanza delle informazioni spesso inutili). Ammetto che non saprei, neanche dal punto di vista logico, come risolvere il problema…

    Google+ ha un vantaggio: sa già come si evovlerà la situazione se le cose andranno bene (vedi facebook). Quindi potranno prevenire fin dall’inizio problemi dovuti al sovraffollamento.

    Non ho ancora deciso se preferisco che rimanga un social per geek o che diventi il nuovo FB

    4 luglio 2011, 15:17
    • Ma soprattuto: quale sarà l’obettivo di Google? Ha in mente davvero di soppiantare Facebook oppure vuole essere un SN per Geek?

      4 luglio 2011, 15:21
      • non credo proprio che google abbia perso tempo e denaro per regalare qualcosa a noi geek soltanto perché siamo i più fighi (U_U). Credo proprio che puntino in alto. Mi aspetto anche un bel messaggio a caratteri cubitali nella home del sistema operativo che avvisa nel nuovo servizio.bisognerà poi vedere se i “normali” citati in questo post avranno la voglia di cambiare. Le sorti di G+ dipenderanno (paradossalmente) dai pigri e dagli utonti della rete… (è triste che si sia arrivato a questo).

        Rimane solo da capire: riuscirà google a non farci rompere le pa**e dai link pubblicati dai bimbiminkia qualora questi lo scoprissero?

        4 luglio 2011, 15:28
        • lapsus froidiano: sostituisci “sistema operativo” con “motore di ricerca”

          4 luglio 2011, 15:29
        • morocarlo

          Li metti nella cerchia dannati, e non guardi i loro post :)

          4 luglio 2011, 21:15
  26. Io spero col tutto il cuore che Google+ rimanga più elitario di Facebook, le due piattaforme possono coesistere, ma sentivo troppo l’esigenza di un social meno cazzeggiataro e più professionale.

    4 luglio 2011, 15:13
    • Bè, per quello c’era già Twitter, no?

      4 luglio 2011, 15:24
      • Ancor più di twitter, come ha già detto @julius, secondo me “centra” il bacino di FriendFeed. Almeno per me, è la PRIMA VOLTA che trovo un social che è in grado di soppiantare FF rendendomi così rapidamente “addicted”. Non so se ci sarà un spostamento “di massa” (anche se i circles e l’integrazione nell’ecosistema google rendono interessante lo spsotamento per la massa amante del socialcazzeggio da quelle aziende che FB l’hanno bloccato). Di certo a me sta davvero appassionando (mentre la medesima attesa per Wave venne disillusa da un senso di incomprensione generale, e l’analoga per buzz da un senso di inutilità dello strumento in sè).

        6 luglio 2011, 16:10
        • Alessandro

          Wave non é mai stato un socialnetwork

          16 luglio 2011, 23:10
  27. Secondo me è difficile che FB sarà annientato, forse solo intaccato leggermente, ma sono altri i servizi che verranno forse bucati dal loro bacino di utenza, vedi friend feed… staremo a vedere!

    Un altro mercato è solo un’altra possibilità per noi nello svilippo! enjoy!

    4 luglio 2011, 15:03
    • Bè, se Google+ aggiungerà sistemi di importazione feed e pubblicazione automatica tra social, sicuramente!

      4 luglio 2011, 15:10
  28. Bella analisi, completa e chiara!

    4 luglio 2011, 15:02
    • Grazie Gabriele! ;)

      4 luglio 2011, 15:09

22 Citazioni